• Calcio categoria pulcini a Roma

    Calcio categoria pulcini a Roma

    L’ABC del calcio


    Il club ASD Real Testaccio si prende l’impegno di far crescere i dilettanti coltivando con pazienza e costanza ragazzi che stanno attraversando un’età delicata per questo vanno trattati non con autorità ma con autorevolezza, trasmettendo un messaggio positivo fatto di valori sani e comportamenti corretti verso tutta la comunità. Appoggiare un ideale fatto di regole e rispetto vuol dire essere grandi e distinguersi per personalità dalla massa, forgiando un carattere forte e onesto. In tutto questo l’associazione vuole contribuire a partire dal calcio categoria pulcini di Roma, iniziando in tenera età a invogliarli verso un calcio pulito. Tutto lo staff tecnico si occupa di allevare, crescere e rendere calciatori i dilettanti, cinque categorie si distinguono per caratteristiche ed età.


    Ogni mister è preparato e qualificato per gestire le dinamiche che diversificano le squadre, affrontando con preparazione e professionalità ogni situazione. Tutti quanti sono muniti di certificati che ne attestino le reali capacità di insegnamento in tale settore, mettendo in pratica non solo l’ABC di questo sport ma trasmettendo soprattutto l’amore per un calcio praticato con onestà ed educazione.


    Si inizia dalla categoria Piccoli Amici, composti da bambini di età compresa tra i 6 e gli 8 anni, per poi passare nel calcio categoria pulcini di Roma , di cui fanno parte ragazzini di età 8 fino agli 11 anni, alla fine dell’anno se dotati di caratteristiche affini verranno inseriti nei Giovanissimi dove ci sono ragazzi dai 12 ai 14 anni, fare carriera e ambire agli Allievi ragazzi di età dai 15 ai 16 anni per poi esordire con la Prima Squadra, dai 17 anni su e giocare nelle partite dei fuoriclasse. 

  • Regole dell’ASD Real Testaccio

    Regole dell’ASD Real Testaccio

    È molto importante essere a conoscenza che non verranno fatti favoritismi né tantomeno incentivati dubbi comportamenti, ogni attore (genitore, figlio e mister) ha le proprie responsabilità e l’impegno da parte di tutti permette un sano atteggiamento del ragazzo che assimila comportamenti corretti e il rispetto verso il prossimo.


    Il club condanna tutte le azioni che creano disagi e disturbi, non solo influenzano negativamente l’affiatamento che si crea nella squadra ma danneggiano seriamente la filosofia di gioco pulito che tutto lo staff ci tiene a trasmettere. Verranno allontanati immediatamente tutti coloro che manifestano comportamenti deleteri e ingaggiano ad atti di razzismo. Il calcio vuol dire tolleranza, accettazione e condivisione di un momento che accomuna tutti quanti: far divertire.


    L’obbiettivo è fare gol con onestà, collaborare con il compagno di squadra e porgere la mano all’avversario caduto: questo è il calcio.Molti fatti di cronaca hanno fatto emergere brutti esempi e i club di oggi vogliono riscattare questo sport riportandolo agli antichi albori.